Concorsi toghe truccati, interpellanza Zanettin: “scandalo devastante”

0
168
Pierantonio Zanettin in uno dei suoi frequenti interventi alla Camera dei deputati
Pierantonio Zanettin in uno dei suoi interventi alla Camera dei deputati

Un’interpellanza su concorsi truccati all’esame di Magistratura e’ stata presentata dal deputato di Forza Italia Pierantonio Zanettin, secondo il quale se confermato si tratterebbe di uno “scandalo devastante, di gravita’ paragonabile allo stesso ‘affaire Palamara’. Sorge il
legittimo dubbio che decine di magistrati in carica siano stati selezionati in questi decenni , attraverso loschi traffici”.

L’interpellanza fa seguito alle “denunce su ‘La Stampa’ di Domenico Quirico e del Prof. Guido Neppi Modona, gia’ vice presidente della Corte Costituzionale, sul Dubbio di oggi”.
“Un candidato bocciato ai concorsi del 1992 e del 2000, dopo una serie innumerevole di ricorsi, e’ finalmente riuscito- riferisce Zanettin – ad acquisire la completa documentazione del concorso 1992, evidenziando un sofisticato e truffaldino sistema, grazie al quale, gli elaborati di taluni candidati erano agevolmente individuabili.

Dagli elaborati dei promossi spuntano segni di riconoscimento lasciati sui fogli e errori
grossolani di diritto. Dai verbali dei lavori della commissione risulta che la valutazione media su ciascun candidato e’ durata tre minuti, durante i quali sarebbero stati letti e giudicati collegialmente i tre elaborati scritti”

“Ne’ il CSM , ne’ l’ANM, tante volte cosi’ solleciti ad ergersi paladini del buon nome e dell’onore della magistratura italiana, hanno stavolta proferito verbo”, nota Zanettin, che
dal ministro intende sapere se ha disposto accertamenti ispettivi e se intende adottare “iniziative a carattere normativo per evitare che quanto denunciato possa ripetersi in
futuro”.